Cambiamo

 
Percorsi di formazione
sulla Sostenibilità
Per AMMINISTRATORI LOCALI E DECISORI POLITICI,
per DOCENTI DI SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO,
e per TUTTI I CITTADINI
Non si può risolvere un problema
utilizzando lo stesso modo di pensare che lo ha generato
Albert Einstein

Nel 1970 il bilancio globale delle attività umane ha iniziato a superare la capacità di carico del Pianeta, e ad oggi eccede di una volta e mezzo il limite di sostenibilità: sotto questa pressione, gli ecosistemi stanno perdendo le funzionalità di base (generazione di ossigeno, riciclo dell'acqua, fertilità del suolo) che sono fondamentali per la prosecuzione della vita sulla Terra. Negli ultimi 40 anni abbiamo dimezzato il capitale naturale (-52% di crollo della biodiversità, che in ecosistemi cruciali per la vita sulla Terra come la Zona Neotropicale raggiunge il -83%), dando inizio alla sesta estinzione di massa della storia terrestre. Le prime cinque sono avvenute per cause naturali, prima della comparsa della nostra specie sul Pianeta, questa è interamente dovuta alle azioni umane. Contemporaneamente a questo fenomeno, il cambiamento climatico prodotto dal processo di sfruttamento massiccio dei combustibili fossili sta modificando le dinamiche terrestri (aumento di temperatura, fusione dei ghiacci artici, fusione dei ghiacciai montani, aumento dei livelli dei mari, acidificazione degli ecosistemi marini, mutamento delle correnti oceaniche), creando delle alterazioni profonde, che perdureranno per diverse decine di migliaia di anni a venire.

La somma di queste due componenti sta creando una situazione ambientale che l'uomo non aveva mai conosciuto dal momento della sua comparsa sul Pianeta: in pratica, le condizioni che hanno caratterizzato il periodo degli ultimi 10.000 anni di storia (il periodo chiamato Olocene) e che hanno creato le circostanze per lo sviluppo della civiltà umana (ovvero assenza di episodi di estinzione di massa e condizioni di stabilità del clima), da 40 anni non esistono più.

Tutto questo è accaduto perchè attraverso la tecnologia, ognuno di noi ha acquisito degli enormi poteri (ogni cittadino italiano, tramite le sue azioni quotidiane, muove e degrada ogni anno 62 tonnellate di materia), che a tutt'oggi non sono supportati da una sufficiente conoscenza dei complessi meccanismi che attiviamo, e delle possibilità (e necessità) che abbiamo di ridurre, attraverso delle scelte consapevoli, gli impatti ambientali generati. Nell'arco di quarant'anni la sostenibilità, ovvero la capacità di prosecuzione nel tempo del nostro attuale modello di sviluppo Ŕ completamente sparita: tutti gli attuali adolescenti e nuovi nascituri, creando un caso di disequità generazionale senza pari, si troveranno a vivere in un mondo completamente diverso da quello che oggi noi conosciamo; tuttavia a livello istituzionale, le strategie di governo adottate dagli amministratori e dai decisori politici continuano ad essere fondamentalmente le stesse. Senza una opportuna base di preparazione, che permetta ad ognuno di conoscere l'esatta natura dei nuovi problemi, e la dimensione della nuova situazione che abbiamo creato, non esiste modo di risolvere questa crisi sistemica, che è diventata ormai così grave da mettere in dubbio la prosecuzione della civiltà umana.

La nostra Cooperativa Onlus organizza Corsi di Formazione sulla Sostenibilità articolati con diversi contenuti e modalità a seconda delle diverse categorie di partecipanti

  • PERCORSI PER AMMINISTRATORI LOCALI E DECISORI POLITICI

    I Corsi, strutturati in tagli da 15 e 30 ore, si prefiggono di fornire ai partecipanti le conoscenze di base per comprendere quale sia l'attuale status dei sistemi naturali, come stiano procedendo i cambiamenti climatici e i meccanismi di esaurimento delle risorse terrestri (in termini sia di supporti vitali che di materie prime necessarie per la produzione), quali sono e quali saranno i punti di maggiore criticità del sistema, quali settori diventeranno più deboli, dove occorre orientare gli investimenti, a quali processi di transizione occorre dare la priorità, e in quali modi è necessario orientare le scelte individuali e collettive allo scopo di organizzare e mettere in atto delle

    • strategie di mitigazione - per limitare il più possibile i danni che dobbiamo ancora produrre
    • strategie di adattamento - per essere in grado di adattarci alle modificazioni provocate dalle azioni già compiute

    Urge creare il più rapidamente possibile un modello di società che risulti resiliente (quella attuale non lo è per nulla), ovvero capace di resistere, senza collassare, agli stress creati da situazioni di emergenza di vario tipo (climatica, economica, energetica, alimentare, sociale) che da ora in poi diventeranno sempre più frequenti.

  • PERCORSI PER DOCENTI DI SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

    Nell'arco di quarant'anni il sistema naturale che ci fornisce il supporto vitale, e le prospettive stesse della nostra civiltà sono profondamente cambiate: gli attuali adolescenti e i nuovi nascituri si troveranno a vivere in un mondo completamente diverso da quello che oggi noi conosciamo, ma non sanno nulla di questo cambiamento molto impegnativo che dovranno affrontare. In un ciclo minimale di 4 incontri da 2 ore ciascuno, organizzato in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, vengono trattati temi di ecologia, biologia, fisica, economia e sociologia, con l'obiettivo di fornire ai docenti, secondo una visione che prescinde dalla materia specifica di insegnamento, gli strumenti di base per conoscere, e di conseguenza trasmettere agli allievi

    • le meccaniche dei fenomeni in corso, e il loro grado di importanza
    • le ripercussioni che questi fenomeni avranno sul sistema
      socioeconomico e sulla vita di tutti i giorni
    • le strategie di mitigazione e di adattamento da mettere in atto

    Il primo corso si è svolto a Milano, con una logica geografica centralizzata, le successive sessioni saranno dislocate in maniera distribuita, secondo una logica territoriale, nei vari quadranti della Regione.

  • PERCORSI RIVOLTI A TUTTI I CITTADINI

    Questa modalità di formazione viene gestita in partenariato con i Comuni (o in generale con le Istituzioni), che forniscono l'aula ed il patrocinio culturale, provvedendo a proporre l'iniziativa alla cittadinanza. A fronte di questa collaborazione, la nostra Cooperativa è in grado di offrire ai cittadini un percorso formativo di 10 ore (5 incontri da 2 ore ciascuno) al prezzo politico di 25 euro a partecipante. Attraverso un'analisi scientifica che in un percorso trasversale coinvolge molteplici discipline, questo Corso persegue lo scopo di formare una coscienza ecologica approfondendo anche delle conoscenze collaterali: il progetto si prefigge di fornire ai partecipanti le informazioni e gli strumenti che permettano loro di contribuire con scelte e decisioni - applicate nell'ambito delle normali azioni quotidiane - alla costruzione di un modello di società basata su criteri più sostenibili.
    Gli obiettivi del Corso sono

    • ampliamento del bagaglio culturale scientifico e capacità
      di relazionare i cambiamenti globali alle azioni quotidiane
    • discussione delle problematiche cruciali del nostro tempo
      da un punto di vista sistemico
    • sviluppo di una capacità critica verso tematiche scientifiche,
      politiche e sociali
    • partecipazione attiva dei cittadini alle scelte istituzionali

    Per le Amministrazioni, questo è un modo di preparare e/o affiancare le campagne per il miglioramento della raccolta differenziata, le scelte (a volte difficili) sulla mobilità e viabilitÓ cittadina, migliorando la cultura e l'informazione della comunità e rafforzando il significato delle politiche compiute sul fronte ambientale, senza doversi gravare di costi per realizzare questi obiettivi.

 
Contatti
email
Telefono 338.8279762
Gabriele Porrati
 
 

email